Creare App per Windows Phone 8

Oggi è stato pubblicato il libro di Enrico Rossini Creare App per Windows Phone 8 Concetti di base.

Nel mercato degli smartphone è arrivato da qualche tempo il nuovo sistema operativo di Microsoft, Windows Phone, che rappresenta un taglio netto con il passato: nuova architettura, nuova user experience, nuova grafica e anche nuovi strumenti di sviluppo. Con questo libro, partendo dalle basi fino ad arrivare agli aspetti più avanzati, scopriamo tutte le caratteristiche della piattaforma e quali sono gli strumenti che abbiamo a disposizione per creare applicazioni originali e innovative. Dai sensori (accelerometro, GPS, NFC ecc.) alla rete, passando per notifiche, tile e accesso ai dati. Il libro è basato sulla versione più recente della piattaforma, Windows Phone 8 che, rispetto alla release originale, ha portato a un profondo rinnovamento dell’architettura e ha introdotto moltissime novità sia per gli utenti sia per gli sviluppatori.

In questo primo volume si affrontano tutti i più importanti aspetti della programmazione con Visual Studio nella versione 2012 o 2013 fino ad utilizzare tutti i componenti base messi a disposizione e l'utilizzo del Windows Phone Toolkit. I concetti qui illustrati possono essere utilizzati per Windows Phone 8, Windows Phone 8.1 e Windows 8.

Ottimizzare i fumetti per Kindle e altri ebook reader

Kindle Comic Converter (qui puoi scaricare l'applicazione) è un'applicazione che consente di ottimizzare i fumetti per la lettura su Kindle (e non solo) convertendoli dal formato CBR/CBZ a quello Mobi per il lettore di Amazon o ePub per gli altri ebook reader. Ma non si tratta di un semplice converter.

Kindle Comic Converter

Oltre a rendere i fumetti digitali “digeribili” da qualsiasi dispositivo e-ink, l’applicazione provvede, infatti, ad ottimizzare le immagini in modo da renderne la fruizione più comoda anche sugli schermi di dimensioni compatte. Ci sono molte funzioni che si possono applicare in tal senso e per gli appassionati di manga c’è una modalità di conversione speciale che attiva la lettura delle pagine da destra verso sinistra.

Per capire come funziona Kindle Comic Converter basta guardare la sua schermata principale: cliccando su Add file o Add directory si aggiungono i file da convertire (possono essere CBR, CBZ, PDF o semplici immagini in sequenza), dal menu a tendina posto in basso a sinistra si sceglie il dispositivo di destinazione del fumetto e cliccando su Convert si avvia il processo di elaborazione del file di output.

Come accennato in precedenza, per i manga bisogna spuntare anche l’opzione Manga mode che dà la possibilità di sfogliare le pagine da destra verso sinistra sugli ebook reader e cliccando sul pulsante Advanced si può accedere alla lista completa delle funzioni del programma (colorazione dei margini delle pagine, modalità webtoon e molto altro ancora).

Il software è disponibile non solo su Windows ma anche su Mac e Linux. Qui sotto trovate il link al sito ufficiale dal quale potete scaricarlo con un semplice click.

Amazon Kindle Phone in un video dimostrativo

A volte ci dimentichiamo che Amazon sembra essere prossima alla presentazione del suo primo smartphone Android, il tanto vociferato Kindle phone. Questo dispositivo è apparso un paio di volte in foto, e grazie a questi scatti è stato possibile produrre il primo video dimostrativo del telefono.

Come potete vedere voi stessi questo device dovrebbe avere un display autostereoscopico in grado di adattarsi dall’angolazione del nostro sguardo grazie alla presenza di numerosi sensori frontali come ho spiegato in un mio precedente post.

La stessa interfaccia del telefono dovrebbe essere in 3D con alcune features sempre legate al tracciamento dei nostri occhi.

Se lo smartphone di Amazon infatti riesce a capire che siamo arrivati a fine lettura di una pagina effettuerà uno scroll verso il basso o volterà direttamente pagina.

Per ora a livello hardware puro si sa poco. I ragazzi autori del concept parlano addirittura di un SoC Qualcomm Snapdragon 805 e di un display da 5 pollici,  tutto offerto a meno di 300 dollari, ma  in questo ultimo caso ci troviamo di fronte maggiormente al campo delle ipotesi pure.


Amazon sta progettando una propria linea di CPU?


Tra le assunzioni fatte da Amazon, troviamo il CTO (Chief Technical Officer) di Calxeda. Inoltre il colosso statunitense ha pubblicato diversi annunci alla ricerca di ingegneri con esperienza nella produzione di micro processori. Se veramente Amazon dovesse cominciare a produrre la propria linea di processori, non saremmo neanche sicuri dove essi verrebbero impiegati, se nei mastodontici server di Amazon, allo scopo di renderli più efficienti riducendo i costi, oppure nella propria linea di tablet Kindle  insieme col nuovo smartphone che è in fase di progettazione avanzata.

Dobbiamo dire che ogni produttore che introduce dispositivi mobili dotati di processore proprietario, rende molto difficile la vita ai cuochi di ROM, in quanto è molto più semplice realizzarli partendo da una base comune a tanti smartphone, come potrebbero essere i SoC Qualcomm e Nvidia. Tuttavia, la maggior concorrenza, potrebbe spingere gli altri produttori a migliorare ulteriormente e ridurre i costi di vendita.

Amazon, accordo con Giunti per il Kindle

Amazon e Giunti hanno siglato un nuovo accordo di collaborazione che promette di dare un forte impulso al mercato dei libri elettronici in Italia. L'intesa prevede che entro la fine dell'estate le 170 librerie Giunti al Punto presenti in tutta Italia commercializzeranno la famiglia di ebook reader Kindle con prezzi a partire da 59 euro.

Inoltre fino al prossimo 31 dicembre 2014 i clienti in possesso della GiuntiCard che acquisteranno un Kindle nelle librerie Giunti al Punto riceveranno in omaggio 5 ebook gratuiti da scegliere nel catalogo Giunti.

L'intesa tra Giunti ed Amazon prevede infine anche lo sviluppo di un nuovo negozio digitale per la vendita di libri, CD, DVD e giocattoli.

Amazon Kindle Phone caratteristiche: quello che sappiamo sullo smartphone di Amazon


Una delle cose più interessanti di questo 2014 secondo me sarà sicuramente l’entrata in scena diAmazon nell’ecosistema dei player mobile, quelli seri, quelli che fanno gli smartphone. Già ci ha provato con il Kindle Fire, e per quanto sia un device molto orientato alla lettura negli Stati Uniti le è andata più che bene. Un Amazon Phone avrebbe lo stesso destino, forse uno ancora migliore? E che caratteristiche avrebbe?

Prima di tutto (e dato che sono pur sempre un uomo molto legato al software) non si sa nemmeno se farebbe girare Android o un’altra piattaforma. Il periodo di lancio e rilascio sul mercato coinciderebbe e andrebbe veramente a nozze con il periodo in cui BlackBerry comincerebbe a concedere in licenza il proprio BlackBerry OS a produttori che non siano lei stessa; d’altra parte, però, è chiaro che Amazon ha una piattaforma basata su Android già avviata, con un proprio store di applicazioni, quindi è auspicabile e praticamente certo che l’Amazon Phone sarà commercializzato con un sistema operativo molto modificato basato su Android, esattamente come la ROM precaricata sul Kindle Fire (chiaramente senza Play Store, bensì con lo store di Amazon).


Amazon, prime immagini del Kindle Phone

Kindle Phone, Amazon Phone… L’anticipatissimo telefono del gigante dell’e-commerce in realtà ancora non ha un nome, eppure tutto il resto di ciò che lo riguarda sta venendo gradualmente a galla. Oggi è il turno del suo aspetto fisico, rivelato – come molti altri dettagli prima di questo – dai ragazzi di Boy Genius Report.

Il precedente leak fotografico proveniente dal sito riguardava immagini del telefono in carne ed ossa, incapsulato però in una custodia pensata appositamente per nascondere il design del prodotto: in poche parole, del futuro Kindle Phone si poteva ammirare giusto il display. Il materiale di oggi invece è un render digitale, che secondo BGR sarebbe stato realizzato internamente dai designer di Amazon e arrivato alla testata grazie a una fonte anonima.

Posto quindi che si tratti di materiale affidabile, possiamo notare come il look del futuro Kindle Phone tragga suggerimenti da due dei maggiori competitor che si troverà ad affrontare: iPhone 5c – per forma e stondatura di angoli e spigoli – e la serie Galaxydi Samsung. Eppure nonostante i prestiti la sintesi è interessante, con quella cornice leggermente in rilievo che ricorda un Lumia 630 più sobrio e lo spessore estremamente ridotto.

Aggiornamento Kindle Paperwhite 5.4.3

Amazon ha rilasciato un nuovo aggiornamento Kindle Paperwhite. Si tratta dell’update 5.4.3 che contiene alcuni miglioramenti per l’usabilità di uno degli ebook reader di maggior successo degli ultimi anni.

Aggiornamento Kindle Paperwhite: update 5.4.3

Il nuovo aggiornamento rilasciato da Amazon prevede, in sostanza, un miglioramento di alcune funzioni già presenti sul vecchio software. La prima riguarda le Note che ora saranno disponibili con diversi percorsi: con il primo si potranno raggiungere direttamente dal menu di lettura con il secondo, ancora più facilmente, dalla barra degli strumenti. Un’altra importante novità riguarderà i file PDF: si potrà utilizzare lo zoom per ingrandire porzioni di documento. Per questo tipo di file si registra anche un miglioramento nell’impostazione dei margini.

Potrai inoltre gestire con maggiore flessibilità le tue raccolte di documenti su Kindle Paperwhite visualizzandole nella modalità Raccolte e stabilendo la posizione con cui verranno inserite sul tuo ebook reader.  La novità più importante riguarda, probabilmente, la possibilità di annullare l’acquisto di un ebook dopo il download di un estratto. Kindle infatti permette con un semplice touch di acquistare l’intero ebook mentre si sta visualizzando la prima porzione di testo: se lo hai acquistato per errore ora potrai annullare la tua scelta prima che il download sia stato completato tramite la nuova funzionalità Cancella Acquisto.

Come aggiornare il Kindle Paperwhite

Al momento l’aggiornamento non è disponibile direttamente dal dispositivo ma bisogna passare necessariamente tramite computer. Dovrete quindi scaricare l’aggiornamento e in seguito collegare il Kindle al PC tramite il comodo cavo USB. A questo punto dovrete spostare l’aggiornamento nell’unità Kindle (non in una delle cartelle al suo interno). Dopo aver scollegato il dispositivo accedete al menu Impostazioni e scegliete Aggiorna Kindle (sarà disponibile solo se il vostro Kindle non è aggiornato). Attendete che Kindle Paperwhite installi il nuovo aggiornamento (al termine si riavvierà in automatico).  Prima di procedere con questa operazione controllate la versione software del vostro dispositivo.

A questo link troverete la pagina di Amazon contenente tutte le informazioni e il link per scaricare l’aggiornamento Kindle Paperwhite.

Kindle Paperwhite 3: avrà display flessibile

620_recensione-kindle-paperwhite-2013_2

A fine 2013, Techcrunch aveva provato un prototipo e pubblicato un articolo parlando delle sue caratteristiche. Si era detto di un ebook reader con schermo 300 PPI, con un sistema di vibrazione integrata, uno schermo privo di cornice (come Kobo Aura), un sensore capace di regolare la luminosità in maniera autonoma, e un nuovo font dedicato ai lettori forti. Il tutto su un telaio simile a quello dei tablet Kindle Fire HDX, quindi con pulsanti posteriori e linee rigide, squadrate. La redazione americana parlava di un Kindle Paperwhite 3 in vendita nel Q2 2014, da aprile.

 

E-Ink Mobius: 50% di peso in meno

Se si uniscono le nuove indiscrezioni [via goodreader] con le vecchie, tutto torna. Il pannello E-Ink Mobius usa parte della tecnologia TFT, unisce l’E-Ink ad uno strato in plastica e non in vetro con il vantaggio della flessibilità e della leggerezza; la sua documentazione tecnica parla di una riduzione di peso pari al 50% rispetto a E-Ink Pearl e E-Ink Carta. Questo non significa che Kindle Paperwhite 3 avrà un design curvo, ma che probabilmente sarà più sottile e meno incline ai danni al display causati da colpi accidentali; su un modello con installazione a filo, dove a quanto pare verrà usato del vero vetro opaco a protezione, è importante avere una certa capacità di assorbire gli urti.

Amazon Coins sbarca sui device Android

La schiera di monete digitali cresce: non solo Bitcoin, sbarcati sul mondo “analogico” a mezzo bancomat in Canada e Usa, ma anche valute che interessano ecosistemi più circoscritti. È il caso degli Amazon Coins, moneta virtuale con cui pagare applicazioni, giochi e contenuti sull’Appstore del colosso dell’e-commerce: lanciata quasi un anno fa, da oggi oltre che sui tablet Kindle Fire potrà essere usata su tutti i dispositivi Android, il sistema operativo di Google. Al momento la novità è riservata agli utenti di Stati Uniti, Germania e Gran Bretagna. La valuta di Amazon nasce come moneta virtuale per comprare app e giochi sul suo store.

Disponibile dall’anno scorso negli Usa sui tablet Kindle Fire, ora potrà essere usata anche da chi ha smartphone e altri dispositivi col popolare e diffuso sistema operativo Android, accrescendo così la potenziale platea di utenti. La valuta di Amazon ha un valore unitario di un centesimo di dollaro ed è un sistema completamente diverso dai Bitcoin. Mentre questi ultimi (al momento un Bitcoin vale circa 460 euro) sono una moneta crittografata che può essere acquistata con valuta tradizionale sul web ed essere usata per pagare beni di ogni tipo nelle strutture che l’accettano, gli Amazon Coins sono regolati dall’azienda di Seattle, non hanno un sistema di cambio in dollari o euro e non possono essere impiegati in altri esercizi commerciali ma solo all’interno del negozio digitale di Amazon.

Advertsing

125X125_06

MonthList

CommentList