Six Books (and One Blog) Bill Gates Wants You to Read This Summer

Bill Gates — Microsoft CEO turned philanthropist, lifelong learner and fan of The Great Courses — is recommending seven texts you should read this summer. They’re not exactly light beach reading. But you’ll learn a lot, and you’ll get more dialed into issues on Gates’ mind. On his website, the video above comes accompanied by reasons for reading each work.:

Hyperbole and A Half , by Allie Brosh: the Book, based on Brosh’s wildly popular website, consists of brief vignettes and comic drawings her young About Life. The adventures she recounts are mostly inside her head, where we hear and see the kind of inner thoughts most of us are too timid to let out in public. You will rip through it in three hours, tops. But you’ll wish it went on longer, because it’s funny and smart as hell. I must have interrupted Melinda a dozen times to read to her passages that made ​​me laugh out loud.

The Magic of Reality, by Richard Dawkins. Dawkins, an evolutionary biologist at Oxford, has a gift for making science enjoyable. This Book is as accessible as the TV series Cosmos is for Younger Audiences-and as Relevant for OldEr Audiences. It’s an engaging, well-illustrated science textbook offering compelling answers to big questions, like “how did the universe form?” And “what causes earthquakes?” It’s also a plea for readers of all ages to approach mysteries with rigor and curiosity.Dawkins’s antagonistic (and, to me, overzealous) view of religion has earned him a lot of angry critics, but I consider him to be one of the great scientific writer / explainers of all time.

If what?, by Randall Munroe. The subtitle of the book is “Serious Scientific Answers to Absurd Hypothetical Questions,” and that’s exactly what it is. People write Munroe with questions that range over all fields of science: physics, chemistry, biology. Questions like, “From what height would you need to drop a steak for it to be cooked when it hit the ground?” (The answer, it turns out, is “high enough that it would disintegrate before it hit the ground.”) Munroe’s explanations are funny, but the science underpinning his answers is very accurate. It’s an entertaining read, and you’ll also learn a bit about things like ballistics, DNA, the oceans, the atmosphere, and lightning along the way.

XKCD, by Randall Munroe. A collection of posts from Munroe’s Blog XKCD, which is made up of Cartoons he Draws making fun of things-Mostly Scientists and Computers, But lots of Other things too. There’s One About Scientists holding A Press Conference to Reveal Their discovery That Life is arsenic-based. They research press conferences and find out that sometimes it’s good to serve food that’s related to the subject of the conference. The last panel is all the reporters dead on the floor because they ate arsenic. It’s that kind of humor, which not everybody loves, but I do.

On Immunity , by Eula Biss. When I stumbled across this book on the Internet, I thought it might be a worthwhile read. I had no idea what a pleasure reading it would be. Biss, an essayist and university lecturer, examines what lies behind people’s fears of vaccinating their children. Like many of us, she concludes that vaccines are safe, effective, and almost miraculous tools for protecting children against needless suffering. But she is not out to demonize anyone who holds opposing views. This is a thoughtful and beautifully written book about a very important topic.

How to Lie With Statistics, by Darrell Huff. I Picked up this Short, Easy-to-Read Book after Seeing it on A Wall Street Journal list of good Books for Investors . I enjoyed it so much That it WAS One of A Handful of Books I recommended to everyone at TED this year. It was first published in 1954, but aside from a few anachronistic examples (it has been a long time since bread cost 5 cents a loaf in the United States), it does not feel dated. One chapter shows you how visuals can be used to exaggerate trends and give distorted comparisons-a timely reminder, given how often infographics show up in your Facebook and Twitter feeds these days. A useful introduction to the use of statistics, and a helpful refresher for anyone who is already well versed in it.

Should We Eat Meat?, by Vaclav Smil. The richer the world gets, the more meat it eats. And the more meat it eats, the bigger the threat to the planet. How do we square this circle? Vaclav Smil takes his usual clear-eyed view of the whole landscape, from meat’s role in human evolution to hard questions about animal cruelty. While it would be great if people wanted to eat less meat, I do not think we can expect large numbers of people to make drastic reductions. I’m betting on innovation, including higher agricultural productivity and the development of meat substitutes, to help the world meet its need for meat. A timely book, though probably the least beach-friendly one on this list.

You can get more ideas from Bill Gates at Gates Notes.

If you’re looking to do some more DIY education this summer, don’t miss the following rich collections:

630 Free Audio Books: Download Great Books for Free.

700 Free eBooks for iPad, Kindle & Other Devices.

1100 Free Online Courses from Top Universities.

via Electric Literature

Dan Colman is the founder/editor of Open Culture. Follow us on Facebook, Twitter, Google Plus and LinkedIn and  share intelligent media with your friends. Or better yet, sign up for our daily email and get a daily dose of Open Culture in your inbox.

Amazon sfida Google con la pubblicità su eBook e Kindle



Una delle caratteristiche di Amazon è certamente, sin dalle sue origini, la ricerca costante del cambiamento, ma soprattutto della customer experience perfetta. Negli ultimi anni, l’azienda di Jeff Bezos strizza anche l’occhio al mondo dell’ advertising.

Con Amazon Media Group, il network interno espressamente dedicato alla pubblicità online ed avviato da quasi una decade, l’azienda di Seattle ambisce a fornire servizi innovativi dedicati alle grandi aziende alla ricerca di engagement e visibilità per il proprio brand. Già negli anni precedenti, l’azienda di Bezos ha testato nuove strategie pubblicitarie, avvalendosi delle proprie piattaforme online e dei propri device mobile. In particolare, nel 2011 Amazon ha adattato la logica del product placement ai suoi dispositivi di lettura: acquistando un “Kindle with Special Offers” ad un prezzo ribassato (di circa 25$), l’utente, infatti, consentiva alla visualizzazione di brevi annunci sponsorizzati tra i propri contenuti digitali.

Recentemente, però, Amazon sembra decisa a conquistare una fetta di mercato più ampia nell’advertising online, mettendosi in gioco con competitors d’eccellenza, come Google. Obiettivo? La risposta è nella quintessenza di Amazon: un’esperienza migliore e più efficiente per il consumatore digitale.

Tra le aziende che, in collaborazione con Amazon Media Group, sono alla ricerca di campagne di promozione digitale innovativa, si propone Land Rover. La casa automobilistica inglese ha testato l’efficacia di un “ebook brandizzato” realizzato e distribuito sulla piattaforma Kindle. Il riscontro dei lettori è stato positivo, così come ha dichiarato con soddisfazione Seth Dallaire, Vice Presidente di Amazon Media Group. L’engagement degli utenti è stato stimolato grazie alla modalità di promozione, l’ebook infatti “non è stato promosso in qualità di prodotto pubblicitario, piuttosto come contenuto”. L’esperienza di un ebook sponsorizzato, insomma, sembra aver ribadito la supremazia del contenuto anche nelle strategie pubblicitarie online. Ancora una volta, content is king!

In Giappone, invece, la crescita nel mondo adv di Amazon sembra essere dettata dall’ “ebook brochure”. La recente campagna realizzata per la promozione dei nuovi modelli della casa automobilistica Nissan, infatti, ha dimostrato quanto questo nuovo strumento digitale – già ampiamente consolidato nel mercato giapponese – possa diventare indispensabile per tutte le case automobilistiche (e non solo). La collaborazione tra Amazon e l’azienda giapponese mira a comprendere quanto strumenti digitali, come l’ebook formato brochure, possano potenzialmente fornire un riscontro, ad esempio, sul numero di visitatori delle concessionarie auto o sui dati di vendita di nuovi veicoli. Amazon riflette, inoltre, sulla possibilità di esportare l’utilizzo di questo nuovo formato anche in mercati stranieri.

Amazon Media Group, insomma, sembra decisa ad incrementare la propria rete di aziende partner, offrendo visibilità su tablet, ereader e sulle proprie pagine web, volgendo lo sguardo ad un nuovo modo di raccontare il brand, promuoverlo e renderlo riconoscibile.

Amazon soddisfatta: buoni risultati per il servizio di Kindle Unlimited.

Risale al luglio 2014 la decisione di Amazon di cambiare il suo modello di offerta, proponendo ai propri utenti un abbonamento da 9,99 dollari al mese per leggere liberamente tra una selezione di 600mila ebook, chiamata Kindle Unlimited. Ma le domande a riguardo erano molte: potrà funzionare? Riuscirà ad essere conveniente tanto per Amazon quanto per gli editori? A distanza di 9 mesi la scommessa di Amazon sull’abbonamento a prezzo fisso può dirsi vinta.

Amazon ha registrato un aumento del tempo di lettura del 40% tra gli utenti di Kindle, e chi ha comprato l’abbonamento flat spende il 25% in più di prima nell’acquisto di libri. Russ Grandinetti (nella foto), entrato in Amazon nel 1998 e dal 2009 alla guida il mondo Kindle, si mostra fiero dei risultati raggiunti fino ad ora e guarda alla progressiva rivoluzione del formato del libro raccontando in un’intervista alla Stampa alcuni numeri del servizio. Amazon è soddisfatta: «In ogni Paese in cui abbiamo lanciato il servizio, quando le persone comprano l’abbonamento leggono di più dei libri inclusi nell’abbonamento e di quelli da comprare a parte», dice il vicepresidente di Amazon.

Nel novembre 2014 il servizio è arrivato anche in Italia.«Mi piace fare affari in Italia – dice Grandinetti –, perché considero gli editori italiani molto pragmatici e commerciali. Commerciali in modo positivo – continua Grandinetti, che capisce l’italiano e le sfaccettature della lingua -: l’Italia ha un mercato in cui i più grandi editori sono anche i più grandi venditori di libri, e quindi hanno una visione molto chiara del mercato». «Negli Stati Uniti e nel Regno Unito direi che un romanzo è più venduto digitalmente che in versione stampata – nota il responsabile di Kindle – L’Italia sembra abbastanza come il resto d’Europa, anche se è un po’ indietro: noi siamo arrivati più tardi, gli editori sono partiti più tardi».

Conclude Grandinetti. «La vera sfida è quella di portare più persone davanti alla pagina di un libro, digitale o cartaceo. «I libri sono importanti in un mondo dove tutti i media competono per l’attenzione. I più grandi competitor di Kindle non sono i libri di carta, ma i social media, le altre app».

Advertsing

125X125_06





MonthList

CommentList