99.6 percent of new smartphones run Android or iOS

google-pixel-phone-shootout

The latest smartphone figures from Gartner are out, and they paint an extremely familiar picture. Between them, Android and iOS accounted for 99.6 percent of all smartphone sales in the fourth quarter of 2016. This duopoly has been the norm for a while now (in the second quarter of 2015 this figure was 96.8 percent), but it’s always impressive — and slightly terrifying — to see how Google and Apple continue to wring the last decimal point drops of market share from global smartphone users.

Of the 432 million smartphones sold in the last quarter, 352 million ran Android (81.7 percent) and 77 million ran iOS (17.9 percent), but what happened to the other players? Well, in the same quarter, Windows Phone managed to round up 0.3 percent of the market, while BlackBerry was reduced to a rounding error. The once-great firm sold just over 200,000 units, amounting to 0.0 percent market share.

Screen_Shot_2017_02_16_at_10.48.25_AM

Amazon provoca Apple: Kindle smartphone a 99 centesimi

Mentre il mondo freme per l’iPhone6, Jeff Bezos compete con la società di Cupertino a colpi di “sottocosto”. Il nuovo Fire Phone sarà disponibile a prezzo stracciato per chi sottoscrive un abbonamento con l’operatore telefonico AT&T.

Strano ma vero: Amazon provoca Apple e “svende” a 99 centesimi di dollaro il nuovo Fire Phone, prezzo riservato a chi sottoscrive un abbonamento con l’operatore telefonico AT&T. La notizia è arrivata un giorno prima del lancio mondiale di iPhone6, rilanciata da Il Sole 24 Ore.

Bezos, si sa, è noto per scelte radicali e innovative e la sua decisione di ribassare il prezzo di vendita del nuovo smartphone 3D ha suscitato critiche: c’è chi, come International Business Times, definisce la mossa un flop «necessario per spingere le vendite di un dispositivo che sta facendo fatica a trovare spazio sul mercato: poche caratteristiche interessanti per l’utente e disponibilità limitata».

Fire Phone, infatti, ha avuto un’accoglienza fredda nel mercato americano, in trepidante attesa del rivale iPhone6 della Apple. I motivi? il prezzo di vendita di 199 dollari ritenuto eccessivo in un mercato competitivo come quello degli Usa, le funzionalità “noiose” per i consumatori sempre più esigenti e la disponibilità limitata.

Nonostante ciò il nuovo smartphone, capace di riconoscere (e far comprare) oggetti come riviste, film e opere d’arte grazie alla funzionalità Firefly, sarà lanciato nel mercato europeo a prezzi low cost. In Inghilterra, ad esempio, arriverà il 30 settembre a 33 sterline al mese con abbonamento a Telefonica O2, invece in Germania a 49,95 euro mensili con l’abbonamento all’operatore Deutsche Telekom.

In arrivo il nuovo avveniristico smartphone Kindle, il primo con tecnologia 3D

La notizia ha fatto molto rumore oltreoceano: Amazon sarebbe pronta ad attaccare con decisione il mercato degli smartphone rilasciando a breve due nuovi modelli dotati di incredibili innovazioni. Secondo gli ultimi rumors infatti l’azienda di Seattle avrebbe sviluppato una tecnologia che permetterebbe di avere una visione in rilievo dello schermo, molto vicina quella in 3D. Lo smarphone sarà capace di seguire i movimenti del viso rendendo possibile scorrere lo schermo o voltare pagina col semplice movimento degli occhi. Tutto questo sarebbe possibile grazie all’adattamento del sistema operativo Android.

La seconda novità risiede nel prezzo che lo smartphone dovrebbe avere sul mercato europeo. Anche qui si parla solo di supposizioni ma il nuovo prodotto Kindle dovrebbe avere un prezzo estremamente più competitivo dei nuovi nati in casa Apple. Amazon ha preparato due nuovi modelli, uno dei quali punta a rivoluzionare il mercato degli smartphone proprio grazie al suo prezzo che dovrebbe renderlo appetibile anche ai clienti meno abbienti.

La battaglia degli smartphone è appena cominciata. Da tempo infatti si parla di un modello “low-cost” in uscita anche da Apple. Il 5c infatti ha lasciato decisamente delusi quanti si aspettavano un netto abbassamento dei prezzi da parte della casa di Cupertino. Se però la concorrenza di Amazon dovesse farsi davvero così spietata allora Apple sarà costretta a rivedere decisamente le politiche sui prezzi dei propri prodotti.

Un Kindle smartphone 3D?

Amazon sta pensando di produrre dispositivi nuovi per allargare la sua linea di Kindle. I dispositivi e le soluzioni a cui sta lavorando Amazon sono sviluppati nei laboratori di Sunnyvale in California ma molti di questi dispositivi sono dei prototipi che probabilmente non vedranno mai la luce.

Uno di questi dispositivi sarebbe uno smartphone 3D. La tecnologia è completamente nuova e mai vista sul mercato “di massa”. Lo smartphone prevede di non avere uno schermo fisico ma una nuova tecnologia Retina che crea delle immagini 3D che fluttuano nello schermo e che sono visualizzabili in 3D da qualsiasi angolazione. In questo modo gli utenti possono usare lo smartphone solo con gli occhi perchè la grafica 3D è più estesa. 

Oltre a questo Amazon è al lavoro su un servizio di musica streaming. Una specie di iPod con 3G e Wi-Fi che permette di scaricare e riprodurre la musica dai server di Amazon. Questa mossa potrebbe spingere molto il mercato della musica online di Amazon.

Amazon non riesce a produrre il primo Kindle Phone

Kindle PhoneOramai è praticamente certo che Amazon entrerà anche nel mercato degli smartphone, e lo farà con una versione ridotta dei propri Kindle.

Gli imperativi per avere successo sono essenzialmente due, device economico e market florido. Sappiamo che Amazon adotta una versione modificata di Android, basata per ora su Android Ice Cream Sandwich 4. Tale sistema operativo dovrebbe essere potenziato e rivisto per arrivare anche su uno smartphone molto economico ma che possa battagliare almeno alla pari con altri esponenti del genere, tra cui troviamo molto forte LG con la sua ultima serie L2.

Amazon però non sarebbe avanti nella produzione di questo fantomatico device, visto che purtroppo ha riscontrato dei problemi durante la sua realizzazione. I problemi sarebbero di natura prettamente software, ma anche Foxconn, a cui è stata commissionata la realizzazione del terminale, sarebbe in ritardo nell’assembramento e nella creazione della catena produttiva dedicata.

Probabilmente per i puristi Android il Kindle Phone non sarà uno smartphone neanche da prendere in considerazione, ma grazie ai servizi offerti dal colosso delle vendite online tale smartphone potrebbe diventare molto appetibile per qualcuno.

Kindle Phone: data e prezzo fissati

China Economic News Service, rivista taiwanese molto attenta al mondo del business asiatico, ha comunicato che Amazon avrebbe stretto un accordo commerciale con Foxcomm, l’azienda cinese che si occupa da anni della produzione degli iPhone.

I termini contrattuali della joint-venture in questione prevedrebbero la produzione di un lotto di 5 milioni di smartphone da collocare sul mercato tra il secondo ed il terzo trimestre del 2013. Conferme in tal senso sarebbero venute da alcuni abituali fornitori della Foxcomm (J Touch Corp e Young Fast Optoelectronics) e dal fatto che l’hardware house cinese ha chiuso le contrattazioni alla Borsa di Hong Kong con un + 3.7%.

Oltre a questo, va fatto notare un dettaglio molto importante che potrebbe rivestire un qualche interesse solo per una società intenzionata a cimentarsi in un nuovo business: di recente Amazon ha assunto, con la finalità di investire sui brevetti, Matt Gordon che si occupava di acquisizioni presso una delle più grandi casseforti statunitensi di brevetti, la Intellectual Ventures Management LLC.

A parte questo, sui dettagli tecnici di questo futuribile device targato Amazon, non vi sono molte certezze: il sistema operativo in dotazione dovrebbe essere la stessa versione personalizzata di Android vista sul Kindle Fire e lo schermo potrebbe essere un 4/5 pollici. Maggiori conferme, infine, si hanno sul prezzo: il Kindle Phone, in linea con l’abituale politica commerciale di Bezos, non dovrebbe discostarsi molti dai costi di produzione e potrebbe essere commercializzato a 100/200 dollari.

Digital Wars

Digital WarsE' il 1998 e il mondo digitale sta prendendo forma. In questo panorama in evoluzione si affermano tre aziende: Apple, Google e Microsoft.

Erano aziende profondamente diverse tra loro e le attendeva una serie di aspre battaglie per il controllo del mercato: la tecnologia di ricerca, i lettori musicali portatili, gli smartphone e i tablet.

Non potevano sapere quale sarebbe stata la prossima guerra: ma era un conflitto che avrebbe trasformato il mondo. Per sempre.

Dalla fine degli anni Novanta fino alla morte di Steve Jobs, Digital Wars ripercorre ciascuna di queste battaglie e analizza le diverse culture aziendali dei tre colossi, decretando chi di loro ha trionfato su ciascun fronte.

La posta in gioco è altissima, perché al vincitore spetta non solo una ricchezza smisurata, ma anche la possibilità di dominare un'area del panorama digitale, scalzare i rivali e plasmare il nostro futuro.

Smartphone Kindle: Foxconn ne produrrà 5 milioni

Jeff Bezos, CEO di Amazon, ha lasciato trapelare che lo smartphone Kindle si farà. Forse si farà anche prima del previsto, dato che tale device sarebbe già realtà e che sarebbe Foxconn ad occuparsi della sua produzione.

Arrivano infatti nuove indiscrezioni a riguardo tramite un recente report del Taiwan Economic News, secondo cui Foxconn avrebbe firmato un contratto con Amazon per la produzione esclusiva del Kindle-phone. Amazon vorrebbe che il costruttore cinese realizzasse ben 5 milioni di unità del nuovo telefono cellulare, una cifra importante che, se confermata, farebbe chiaramente intendere come l’azienda voglia tentare di farsi spazio anche nel mercato degli smartphone rubando quote di mercato ai device Android rivali.

Secondo il rapporto, Amazon annuncerà il primo smartphone Kindle tra il secondo e il terzo trimestre del 2013, ovvero fra aprile e settembre. Trattasi più o meno della stessa finestra temporale prevista per gli annunci del Samsung Galaxy S4, di un nuovo iPhone e di nuovi Nexus targati Google, dunque Amazon vorrebbe rubar loro parte dello scenario introducendo una novità del genere. Dato che i Kindle Fire eseguono una versione di Android fortemente personalizzata, si crede che anche per il Kindle-phone l’azienda decisa di optare per la medesima opzione.

La fonte taiwanese parla di componenti necessarie per la costruzione del telefono che hanno un costo fra i 100 e i 200 dollari, dunque il nuovo prodotto di Amazon potrebbe esser venduto a un prezzo decisamente basso. Non sarebbe comunque una sorpresa, dato che il gruppo di Jeff Bezos solitamente trae i propri profitti dai servizi, e non dalle vendite dei dispositivi.

I Kindle Fire potrebbero essere cinque o sei

Stando a quelle che sono le ultime indiscrezioni in circolo e a quanto dichiarato da Demos Parneros, presidente di Staples, a Reuters il gran colosso dell’e-commerce avrebbe scelto di produrre sino a ben cinque se non addirittura sei differenti versioni di nuovi tablet Kindle Fire.

Dopo la notizia relativa al possibile lancio di uno smartphone e dopo le voci che fanno riferimento alla possibile ed imminente presentazione di nuove versioni del fortunato ed apprezzato Kindle Fire, ora Amazon sembrerebbe essere pronta a colpire in maniera decisamente aggressiva più fasce di mercato, quella bassa, quella media e, ovviamente, anche quella alta.

La notizia, comunque, non trova ancora alcun riscontro ufficiale: un portavoce di Amazon, infatti, si è rifiutato di commentare le indiscrezioni in questione.

Kindle sarà anche smartphone

Anche Amazon potrebbe presto entrare nel mercato degli smartphone. La suggestione giunge da Bloomberg, le cui fonti si dicono certe del fatto che le procedure per lo sviluppo di un terminale firmato dall’azienda di Jeff Bezos siano ormai ben avviate. Presto o tardi, insomma, l’annuncio e l’esordio saranno cose ufficiali e l’azienda metterà un piede in un mercato nuovo, estensione di quanto già operato per mezzo di Kindle prima e del Kindle Fire poi.
 
Amazon avrebbe affidato alla cinese Foxconn lo sviluppo del dispositivo e nel frattempo il gruppo si sarebbe impegnato nell’acquisizione di brevetti utili a difendersi dall’attacco della concorrenza in caso di diatribe legali di varia natura. Sebbene sul nome non è facile ad oggi fare previsioni, più semplicemente è comunque possibile immaginare il dispositivo come una declinazione diretta della serie Kindle, dalla quale ereditare probabilmente elementi software e design.

Sulla base di quanto emerso, in particolare, Amazon affiderebbe nuovamente ad Android la base di sviluppo per il proprio terminale: come con Kindle Fire, però, le modifiche potrebbero essere ampie, tali da snaturare il sistema rispetto alla diretta concorrenza e pronte a creare ancora una volta una branca parallela del progetto Google in salsa Amazon. Così succederà anche per il marketplace, sul quale Amazon potrebbe giocare con un tavolo proprio per offrire alla serie Kindle ancora maggior valore e ancora maggior identità.
 
Il progetto sarebbe in auge ormai da tempo, ma ancora non se ne avevano avute avvisaglie concrete. I nuovi rumor sembrano delineare un possibile annuncio in tempi brevi, peraltro proprio nel momento in cui ci si attendono novità anche in ambito Kindle Fire. Non è difficile a questo punto immaginare eventualmente un annuncio congiunto ed un rilascio dei device dopo l’estate, verso una stagione autunnale estremamente densa di novità da tutti i fronti: dal Nexus 7 (in Italia da settembre) al Kindle Fire 2, dallo smartphone Amazon ai nuovi Windows Phone 8, dall’iPhone 5 ai Microsoft Surface. E molto altro ancora.

Advertsing

125X125_06

Planet Xamarin

Planet Xamarin

Calendar

<<  July 2017  >>
MonTueWedThuFriSatSun
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456

View posts in large calendar

Month List