La strana morte dell'ammiraglio

La morte dell'ammiraglioAgatha Christie, G. K. Chesterton, Canon Victor Whitechurch, G. D. H. Cole e Margaret Cole, Henry Wade, John Rhode, Milward Kennedy, Dorothy L. Sayers, Ronald Knox, Freeman Wills Crofts, Edgar Jepson, Clemence Dane e Anthony Berkeley, tutti membri dell’allora neonato “Detection Club”, sono, ciascuno per una parte, gli autori di questa storia, che vide la luce per la prima volta nel 1931. Giunti al termine dell’opera, gli autori chiusero la loro personale soluzione in una busta, soluzioni che poi vennero sciolte in un unico finale ma che sono tutte presenti in appendice al volume.

Nel 1931 Agatha Christie e altri dodici celebri scrittori di gialli si riunirono nel quartier generale di Kingly Street a Londra e decisero di collaborare alla stesura di una detective story davvero unica.

Ogni partecipante doveva continuare la storia che un altro autore aveva precedentemente congegnato: nessuno sapeva quale sarebbe stato l’esito finale, né quale soluzione al giallo avessero in mente gli altri.

Questa la storia che scrissero: nella tranquilla cittadina sul mare in cui vive, l’ispettore Rudge non ha spesso occasione di trattare casi di omicidio. Ma quando un vecchio marinaio trascina a riva una barca che trasporta un cadavere pugnalato al petto, l’ispettore fa partire immediatamente le indagini.

Il corpo sembra essere dell’ammiraglio Penistone che, ormai in pensione, viveva da poco più di un mese in una villa sul fiume, insieme alla nipote Elma e a tre domestici.

Ma la vicenda si rivela molto più intricata del previsto: troppe le persone coinvolte e quasi nessuna disposta a parlare. Il proprietario della barca sta evidentemente nascondendo qualcosa, la nipote della vittima è scomparsa e l’identità stessa dell’uomo assassinato è tutto fuorché certa. Un’ingegnosa crime novel, la riscoperta di un grande, imperdibile classico del giallo.

Acqua in bocca

Acqua in boccaIl commissario Salvo Montalbano incontra l'ispettrice Grazia Negro in un gioco, un esperimento, una collaborazione letteraria senza precedenti: i due "re" del giallo italiano contemporaneo, entrati in contatto durante le riprese del documentario "A quattro mani" (Minimum Fax Media 2007), uniscono le forze e regalano ai lettori una storia che vede protagonisti i loro personaggi di maggior successo.

A metterli in contatto è un insolito omicidio in cui la vittima viene ritrovata con un pesciolino in bocca: il caso è nelle mani di Grazia Negro, che, resasi conto di non trovarsi di fronte a un delitto di ordinaria amministrazione, chiede aiuto al collega siciliano. Un romanzo dalla struttura insolita e non convenzionale: un collage di lettere, biglietti, ritagli di giornale, rapporti e verbali, "pizzini" che fanno rocambolescamente la spola fra i due detective, stimolando e accompagnando il lettore nella ricostruzione dell'indagine, che si conclude con un finale mozzafiato.

Una jam session fra due narratori geniali che si divertono a far interagire il loro immaginario e il loro stile, una lettura unica per gli amanti del poliziesco e del noir. Gli autori hanno scelto di devolvere i proventi derivati dai diritti d'autore per sostenere progetti di beneficenza.

Il mistero delle tre querce

Il mistero delle tre querceQuando Socrates Smith, ex funzionario di Scotland Yard, e suo fratello Lexington, un giovane dalle brillanti doti investigative, si recano nella tenuta di John Mandle, un ispettore di polizia in pensione, non sanno con precisione cosa abbia spinto quest'ultimo a invitarli. Né potranno saperlo dalla sua voce: quando l'incontrano, John Mandle è legato al ramo di una enorme quercia, ucciso da un colpo di pistola in fronte.

Ai due fratelli non resta che mettere in campo tutta la loro abilità investigativa per risolvere il caso, che si presenta come uno dei più intricati che siano mai usciti dalla penna di Wallace.

 

Edgar Wallace

Nacque nel 1875 a Greenwich (Londra). Cominciò a lavorare giovanissimo, a diciott’anni si arruolò nell’esercito ma nel 1899 riuscì a farsi congedare.

Fu corrispondente di guerra per diversi giornali. Ottenne il suo primo successo come scrittore con I quattro giusti, nel 1905. Da allora scrisse, in ventisette anni, circa 150 opere narrative e teatrali di successo.

Tradotto in moltissime lingue, ha influenzato la letteratura gialla mondiale ed è considerato il maestro del romanzo poliziesco. È morto nel 1932.

La tragedia di X

La tragedia di X - Ellery QueenVenerdì 4 novembre Harley Longstreet e la sua fidanzatina Cherry Browne, riuniscono una serie di persone, che non sono proprio loro amici, in un appartamento di un albergo. Dopo l'arrivo di tutti gli invitati Harley fa una dichiarazione importante, dichiara che ha intenzione di sposare Cherry Browne. Dopo un primo momento di sbigottimento tutti si congratulano con i due prossimi sposini. Harley e Cherry sono felici, sono veramente tanto felici che invitano tutti i presenti alla festa che hanno organizzato a casa di Harley.
 
Gli invitati, nel trasferimento dall'albergo alla festa, sono costretti a prendere l'autobus e li, sull'autobus, Harley Longstreet muore. La polizia interviene immediatamente e porta tutto l'autobus, con tutte le persone che contiene al deposito. Li avvengono i primi interrogatori e, sempre li, il dottor Schilling esegue un'analisi del cadavere. Il responso del dottor Schilling, sul cadavere, è categorico, Harley Longstreet è stato ucciso con un veleno potentissimo, la nicotina.
 
Il giorno dopo proseguono gli interrogatori nella sede della ditta di Harley Longstreet e John De Witt. Da questi interrogatori emerge che Harley non aveva nessun amico tutti, chi più chi meno, lo odiavano per un motivo o un altro.
 
Martedì 8 settembre Walter Bruno e Thumm si presentano a casa di Drury Lane per chiedergli aiuto. Drury Lane è un ex attore di teatro completamente sordo, e viene richiesto il suo aiuto perché, in un caso precedente, il suo spirito critico era stato fondamentale. Dopo avergli raccontato tutti i fatti in loro possesso, Drury Lane dice che il caso è elementare, che il corso dell'azione è evidente, insomma ha già capito chi è l'assassino ma non ha le prove. Da ora in poi chiameranno l'assassino "il signor X".
 
Il giorno dopo arriva, al procuratore distrettuale Walter Bruno, una lettera anonima. La lettera dice che il mittente, che vuole rimanere per ora anonimo, ha delle notizie importantissime per risolvere questo intricato caso. Se sono interessati si devono presentare mercoledì 9 settembre alla sala d'aspetto dei traghetti. Ovviamente la polizia è interessata a tutte le possibili informazioni che gli possano permettere di risolvere questo strano enigma.
 
Mercoledì 9 settembre la polizia e Drury Lane si presentano alla sala d'aspetto, ma li trovano una sorpresa. Scoprono che Charles Wood, il bigliettaio dell'autobus dove è stato ucciso Harley Longstreet, è morto. Charles Wood viene ripescato dal fiume dove sembra che ci sia stato gettato. La polizia cerca di bloccare tutte le persone che erano sul traghetto, ma molte di esse sono già scese. Tra le persone fermate c'è il socio di Harley Longstreet, cioè John De Witt. La polizia, dopo un'analisi calligrafica capisce che il mittente della lettera anonima era proprio Charles Wood.
 
Le indagini proseguono in tutte le direzioni, anche Drury Lane incomincia ad indagare per conto suo con i suoi personalissimi sistemi. La polizia sospetta ed incrimina, per questi due delitti, John De Witt, nonostante Drury Lane gli consigli di soprassedere. Lui sa che John De Witt è innocente, che stanno facendo un grosso errore ad incriminarlo, ma loro insistono.
 
Venerdì 9 ottobre si svolge il processo a John De Witt. Durante il processo emergono dei fatti nuovi, messi in luce proprio da Drury Lane, che scagionano l'imputato. Dopo che John De Witt è stato assolto organizza una festa, a cui partecipano tutti i suoi amici e Drury Lane. Dopo la festa, a sera inoltrata, tutta la compagnia si dirige a prendere il treno per rientrare in città. Sul treno, durante il viaggio, avviene il terzo omicidio. Viene trovato morto, con un colpo di pistola calibro 38 diretto al cuore, John De Witt.

Un messaggio dagli spiriti

Un messaggio dagli spiriti Agatha ChristieUna giornata d’inverno, un paesino isolato dalla neve, in mazzo alla desolazione della brughiera, vicino a Dartmoor e alla sua famigerata prigione.

A Sittaford House la signora Willet, che dal Sud Africa è venuta a passare la stagione invernale in questa remota località del Devon insieme alla figlia Violet, tiene salotto, come sempre.

Per passare il pomeriggio, gli ospiti decidono di fare una seduta spiritica. Ma quello che doveva essere un gioco si trasforma in un sinistro incubo: gli spiriti, infatti, annunciano che il capitano Trevelyan, il proprietario di Sittaford House che ha ceduto in affitto la sua casa alle Willett ritirandosi in una vicina cittadina, è stato assassinato in quel momento.

Tutti gli astanti sono sconvolti. Il maggiore Burnaby, vecchio compagno del capitano si precipita a casa dell’amico e scopre che…

Introdotto da questo inizio mozzafiato, Un massaggio dagli spiriti, del 1931, si rivela uno dei più avvincenti romanzi di Agatha Christie, l’indiscussa regina del giallo inglese.

Anno: 1931

Luogo: in una casa di campagna

Personaggi: Mrs. Belling, Maggiore John Edward Burnaby, Mr. Curtis, Amelia Curtis, Mr. Dacres, Martin e Sylvia Dering, Mr. Duke, Charles Enderby, Rebecca e Robert Henry Evans, Capitano Robert e Jennifer Gardner, Ronald Garfield, Guardia Graves, Mr. Kirkwood, Ispettore Narracott, Brian e James Pearson, Caroline Percehouse, Sergente Pollock, Mr. Rycroft, Emily Trefusis, Capitano Joseph Arthur Trevelyan, Dottor Warren, Mrs. Willett, Violet Willett, Capitano Wyatt

Il delitto di mezzanotte

Il delitto di mezzanotte di Sax RohmerÈ quasi mezzanotte, e un noto giornalista lavora alla propria opera nel silenzio del suo studio londinese. Ma viene interrotto da una donna avvolta in una pelliccia di zibellino, che appena entrata nella stanza si accascia su una poltrona… e mentre lo scrittore va a chiamare il medico della porta accanto, al dodicesimo rintocco della vecchia pendola la misteriosa signora viene assassinata. Inizia così una delle più difficili e ingarbugliate indagini degli uomini di Scotland Yard, che presto si troveranno di fronte a sviluppi del tutto inattesi…

«Sax Rohmer» è lo pseudonimo dello scrittore d’origine irlandese Arthur Sarsfield. Appassionato studioso delle culture dei paesi del Medio ed Estremo Oriente – «non c’è alcun dubbio che in una delle mie esistenze precedenti io abbia vissuto sulle sponde del Nilo», ha scritto di sé – si dedicò per anni al giornalismo, prima di iniziare a scrivere le sue intricate storie poliziesche.

Divenuto famoso come creatore del personaggio del Dr. Fu Manchu, l’imperturbabile e geniale criminale capace di mille nefandezze, è autore di molti romanzi pieni d’azione e caratterizzati da scenari carichi di suggestioni esotiche.

Advertsing

125X125_06

Planet Xamarin

Planet Xamarin

Calendar

<<  September 2017  >>
MonTueWedThuFriSatSun
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678

View posts in large calendar

Month List