Docker opens up Docker for Windows beta to everyone

DockerHomePage

Programmers and developers have been anxiously waiting for an invite into the Docker application beta since earlier this year. During their announcement video, Docker shared that they had over 30,000 interested parties sign up within hours of the initial announcement. A grand total of 70,000 were able to join the beta to provide feedback and get a hands-on experience with the application. But for those that haven’t gotten in, today they can do so with the open beta announced for Docker on Mac and Windows.

The Docker platform is one of the most versatile means for developers and IT to create and test their application software through multiple devices. Docker boasts that the Windows application will provide better performance and reliability as well as advanced options to change CPU, Memory Usage, and many more tweaks to improve development.

With Docker on Windows, users can expect the same experience they’ve had before with enhancements, including deeper integration of running Docker and native virtualization for the Windows platform. The in-container development makes it possible to auto-update the software within the platform–just a save and refresh after, and the application reflects changes made to the coding without any hassle.

The polyglot environment is a major feature for teams, developers, and organizations that use multiple coding on their projects. Mounted volumes will notify the document when it’s changed. Developers are now able to build applications on a Windows machine without the need to add more frameworks. For example, when a developer writes in Java coding, the application will recognize it as Java coding. The same will occur with other supported languages.

The Docker application for Windows will provide better networking than before with built-in DNS servers and easy use over VPN. It will run with Native Hypervisor Support meaning that minimum specifications require a Windows 10 Pro machine with the latest Hyper-V updates. So what are you waiting for? The Docker public beta can be downloaded from their official website.

Electron 1.0

For the last two years, Electron has helped developers build cross platform desktop apps using HTML, CSS, and JavaScript. Now we’re excited to share a major milestone for our framework and for the community that created it. The release of Electron 1.0 is now available from electron.atom.io.

electron

Electron 1.0 represents a major milestone in API stability and maturity. This release allows you to build apps that act and feel truly native on Windows, Mac, and Linux. Building Electron apps is easier than ever with new docs, new tools, and a new app to walk you through the Electron APIs.

If you’re ready to build your very first Electron app, here’s a quick start guide to help you get started.

A free version of Google Play Music has launched just before Apple Music

google-playThe company is making a Pandora-like radio streaming service available to everyone in the US initially, consisting of curated playlists and automatically generated streams. However, users won't be able to pick any song they want like Spotify's free tier allows.

"We think that by giving users a taste of Google Play Music, through the ad-supported tier, more users will ultimately become paying subscribers," said Google Play's vice president of partnerships Zahavah Levine. "Until now, this was a lost opportunity - to bring more people into Google Play Music."

Google is currently giving access to the service on the web, while accompanying iOS and Android apps will follow in the next few days.

Apple creates 'Move to iOS' app to pull Android users away from Google

Cook Connects

The iPhone 6 has been more successful than previous versions of the smartphone at drawing Android users away from Google’s mobile platform, and Apple wants to capitalize on that with a new app that makes it easier for them to make the switch.

The switching process will also suggest that they install free apps from their Android device that are also available on Apple’s App Store, so switchers can quickly get back on their feet with their favorite apps like Facebook and Twitter. Paid apps that they have on Android with iOS versions available will be added to a user’s wish list in the iOS App Store.

According to Apple, the whole process will be handled “securely” so that a user’s personal information doesn’t get exposed. It’s not clear exactly how the process works yet, and how aggressive Apple will be when it comes to migrating users away from Google’s services. For example, it’s possible that the process will move all of the contacts a user has stored with Google over to iCloud—Apple hasn’t said one way or another.

Once the process is done, the Android app will helpfully prompt users to recycle their Android phone, just to keep them from going back to Google’s mobile platform unless they buy a new phone.

The app wasn’t announced on stage Monday morning during Apple’s Worldwide Developers Conference keynote, but it appeared on the promotional page the company created to show off its new mobile operating system ahead of its launch later this year.

Apple CEO Tim Cook told analysts during the company’s January financial results conference call that the current iPhone lineup “experienced the highest Android switcher rate in any of the last three launches in any of the three previous years.” This app should help accelerate that trend by making it even easier for people to switch over.

Apple sides with Microsoft in closely watched patent dispute with Google

Apple sides with Microsoft in closely watched patent dispute with Google

Lawyers for Microsoft and Google will appear Wednesday morning at the 9th Circuit Court of Appeals in San Francisco in a long-running dispute over patents that were originally owned by cell phone maker Motorola Mobility.

The case involved the implementation of wireless and video standards in products including Microsoft's Xbox 360.

But this is no ordinary patent showdown. Other tech companies are watching the case closely for its potential to set a precedent for negotiations over “standard-essential patents” or “SEPs” — technologies required to implement industry standards.

The case has already created some unusual alliances. Apple (PDF) and T-Mobile (PDF) are among the companies siding with Microsoft in the case, while Nokia (PDF) and Qualcomm (PDF) are seeking to overturn a lower court’s ruling that found in Microsoft’s favor.

After a 2013 trial in Seattle, Microsoft won a $14.5 million jury verdict against Motorola based on a finding that Motorola breached its obligation to offer its standard-essential patents for video and wireless technologies on fair, reasonable and non-discriminatory terms, known in legal circles as “RAND” or “FRAND.”

The case is notable in part because U.S. District Judge James Robart in Seattle took the unusual step of setting a process for establishing royalties for standard essential patents.

Based on his process, Robart ruled in April 2013 that the Microsoft owed less than $1.8 million a year for its use of Motorola’s patented video and wireless technologies in Windows, Xbox and other products. Motorola had originally sought a rate amounting to more than $4 billion a year, plus $20 billion in back payments.

In its brief leading up to this week’s appeals court hearing, Apple said that the judge made the correct decision — preventing owners of standard essential patents from “holding up” other companies that want to implement standards.

“By focusing on the FRAND commitment’s bedrock concern — confining SEP holders to the value of their technology, as distinguished from the value conferred by inclusion in the standard — Judge Robart properly held Motorola to its agreement,” wrote Apple’s lawyers. “Courts must continue to apply this principle to eliminate hold-up in all forms.”

However, Qualcomm argued in its brief that Robart overreached and came up with a process that did not adequately compensate Motorola for its patents. The chip maker said “the manifest errors” in the decision “will cause incalculable damage to innovation incentives and standards going forward” if it becomes a precedent.

Google, which acquired Motorola before selling the cell phone company to Lenovo, remains the owner of the patents in dispute in the case.

Steve Jobs Confidential ora disponibile

Steve Jobs Confidential, edizione italiana di Becoming Steve Jobs, la biografia su Steve Jobs, da questa mattina è disponibile, sia in formato Kindle (9,99 euro) che in formato tradizionale su Amazon (16,92€)

Di questo libro abbiamo parlato molto nei giorni scorsi.  Si tratta dell’evento editoriale più importante da diversi anni a questa parte, non solo per gli appassionati Apple, ma per tutti coloro che sono interessati ad avvicinare la figura complessa, multiforme, a più facce di uno degli uomini che facendo impresa con i suoi prodotti più di ogni altro ha cambiato il modo con cui la tecnologia incide nella vita di ciascuno di noi. Il libro offre una prospettiva inedita, uno sguardo più concentrato sull’umano e  rapporti interpersonali, dando di Jobs una interpretazione meno stereotipata di quella con cui è sempre stato visto fino ad oggi.

I due autori, Brent Schlender – che in venticinque anni ha intervistato più volte Jobs, traendone registrazioni ufficiali e non – e Rick Tetzeli hanno avuto accesso a testimonianze inedite e provano a svelare una storia molto diversa da quella che conosciamo: quella di un ragazzo pieno di contraddizioni, che non sopportava le gerarchie, girava scalzo per la sua azienda ed era buddista, ma al contempo capitalista. «Il libro presenta – si legge nella sintesi preparata dall’editore italiano, Sperling & Kupfer – un essere umano che ha lottato con i suoi difetti e ha imparato a massimizzare i suoi punti di forza. Quella di un uomo che, col tempo, è diventato più paziente, ha imparato a fidarsi dei suoi collaboratori oltre che del suo istinto. Con stile narrativo, gli autori raccontano uno Steve inedito attraverso confessioni esclusive di amici e parenti di Jobs e conversazioni con le persone che meglio lo conoscevano, come Tim Cook, Jony Ive, Ed Catmull e John Lasseter. Queste pagine ricostruiscono un sorprendente ed emozionante ritratto del genio di Apple».

Al momento non c’è ancora una versione per iBooks di Steve Jobs Confidential. Ma l’editore italiano Sperling & Kupfer ci aveva fatto sapere a suo tempo che l’avrebbe rilasciato “per tutte le principali piattaforme digitali”, ma Amazon offre agli utenti Apple una versione software del suo eBook reader compatibile con tutte le piattaforme. Una volta comprato da qui, lo vedrete successivamente apparire nella lista dei vostri libri nell’applicazione in versione per iOS o in versione Mac. È anche disponibile un servizio cloud che vi permette di leggere il libro direttamente nel browser.

Ovviamente potrete anche comprarlo in edizione fisica, sia su Amazon (16,92€) che presso i negozi on line che vendono libri. Dovrebbe essere disponibile in giornata anche nelle principali librerie italiane. Amazon in ogni caso ha anche un servizio con consegna in 24 ore con un modesto supplemento.

Digital Wars

Digital WarsE' il 1998 e il mondo digitale sta prendendo forma. In questo panorama in evoluzione si affermano tre aziende: Apple, Google e Microsoft.

Erano aziende profondamente diverse tra loro e le attendeva una serie di aspre battaglie per il controllo del mercato: la tecnologia di ricerca, i lettori musicali portatili, gli smartphone e i tablet.

Non potevano sapere quale sarebbe stata la prossima guerra: ma era un conflitto che avrebbe trasformato il mondo. Per sempre.

Dalla fine degli anni Novanta fino alla morte di Steve Jobs, Digital Wars ripercorre ciascuna di queste battaglie e analizza le diverse culture aziendali dei tre colossi, decretando chi di loro ha trionfato su ciascun fronte.

La posta in gioco è altissima, perché al vincitore spetta non solo una ricchezza smisurata, ma anche la possibilità di dominare un'area del panorama digitale, scalzare i rivali e plasmare il nostro futuro.

Amazon rinnova la gamma Kindle e alza la sfida con Apple

La conferenza di Amazon per la presentazione dei nuovi e-book reader e tablet non delude le apsettative della vigilia. “Kindle Fire deve essere considerato un servizio, più che un dispositivo. Questa è la vera differenza rispetto agli altri tablet proposti dai nostri competitor”. Il pensiero di Jeff Bezos, numero uno e fondatore di Amazon, è chiaro e consente di comprendere meglio l’enorme successo dei talbet e dei lettori di ebook della società americana, l’unica in grado di impensierire seriamente il domonio di iPad sul mercato. Sulla piattaforma Kindle sono disponibili oltre 180 mila libri, che hanno contribuito a permette alle vendite dei libri in formato elettronico di superare quelle fisici.

Presentazione nuovi Kindle FireLa prima novità introdotta dalla nuova gamma di Kindle riguarda gli schermi a inchiostro elettronico retroilluminati, basati sulla tecnologia Paperwhite, che utilizza un sistema di diffusione a fibre ottiche che porta la luce generata da led verso il fondo del dispositivo stesso, e non verso gli occhi del lettore come nei display lcd tradizionali, per garantire un maggior confort.

Il nuovo Kindle Touch, che garantisce un'autonomia di lettura di 8 settimane è saraà disponibile dal 1 ottobre, è offerto a 119 dollari nella versione Wi-Fi e a 179 dollari in quella dotata di scheda 3G, sempre priva di canone telefonico a carico dell'utente. Amazon ha inoltre messo a punto una versione base, priva di schermo touch e supportata da annunci pubblicitari, al costo di soli 69 dollari, davvero molto aggressivo.

Presentazione Kindle Fire 2 e HDAccanto ai nuovi dispositivi, Bezos ha sottolineato anche i risultati ottenuti dai servizi di vendita digitali di Amazon. Self Publishing, il programma che permette a chiunque di pubblicare un libro conservando tutti i diritti di copyright e il 70% del fatturato realizzato, senza alcun costo, ha portato alla vendita di 20 dei 50 libri più acquistati. Grande successo ancher per Singles, brevi racconti a metà tra un vero libro e un articolo, venduti a 1,99 dollari ciascuno. Amazon ha introdotto anche Series, ovvero tutte le puntate di serial tv da fruire sui dispositivi mobili con una logica di acquisto continuativo.

Il tanto atteso tablet Kindle Fire 2 fa la sua comparsa sul palco. Più veloce del 40% rispetto al precedente modello, sarà in vendita dal 14 di settembre negli Usa a 159 dollari. Amazon affianca inoltre un secondo tablet, Kindle Fire HD, caratterizzato da un display più ampio (8,9 polici contro i 7 dell'altro modello) e una risoluzione di 1.920 x 1.200 punti, ideale per visualizzare film in formato Full HD. Il display dispone inoltre di un particolare filtro che permette di vedere colori vividi anche in pieno giorno, un processore in grado di supportare velocemente queste funzioni e altoparlanti stereo in qualità Dolby.

Per supportare la trasmissione di video Full HD dispone di due antenne Wi-Fi integrate. La memoria integrata è di 16 Gb, sufficiente per il genere di contenuti multimediali supportati, mentre è presente anche una fotocamera frontale e un'uscita Hdmi per collegarlo a tv. Il tablet Fire HD con display da 7 polici e memoria da 199 dollari sarà in vendita dal 14 di settembre a 199 dollari, mentre la versione con schermo da 8,9 pollici e 16 Gb sarà commercializzata negli Usa dal 20 di novembre a 229 dollari. Prezzi che rendono il nuovo tablet targato Google decisamente meno attraente di quanto previsto.

Amazon ha inoltre studiato una versione che entra in diretta competizione con iPad, un Kindle HD con display da 8,9 pollici, 32 Gb di memoria e soprattutto una scheda 4G integrata che sfrutta le reti Lte, offerta a 499 dollari abbinata a un piano dati da 250 Mb al mese per soli 49 dollari all'anno. Sarà disponilbile dal 20 novembre, e sicuramente darà del filo da torcere a tutti i tablet basati su Android e probabilmente allo stesso iPad. Non a caso il titolo di Amazon ha festeggiato i nuovi modelli al Nasdaq con una crescita del 2,2% che lo ha portato a superare i 250 dollari. Per prenotare il Kindle Fire o conoscere meglio le sue caratteristiche puoi visitare il sito di Amazon.

[youtube:3VvQ2zZ2seM]

[youtube:cpgHMuUB8nU]

Steve Jobs: biografia ufficiale

Basandosi su più di quaranta interviste con Steve Jobs in oltre due anni, e su più di cento con i suoi familiari, amici, rivali e colleghi, Walter Isaacson racconta l'avvincente storia del geniale imprenditore la cui passione per la perfezione e il cui carisma feroce hanno rivoluzionato sei settori dell'economia e del business: computer, cinema d'animazione, musica, telefonia, tablet ed editoria digitale.

Mentre tutto il mondo sta cercando un modo di sviluppare l'economia dell'era digitale, Jobs spicca come massima icona dell'inventiva e dell'immaginazione, perché ha intuito in anticipo che la chiave per creare valore nel ventunesimo secolo è la combinazione di creatività e tecnologia, e ha costruito un'azienda basata sulla connessione tra geniali salti d'immaginazione e riconosciute invenzioni tecnologiche.

Sebbene abbia collaborato attivamente per questo libro, Jobs non ha chiesto nessun controllo sul testo né ha preteso il diritto di leggerlo prima della pubblicazione. Non ha posto nessun filtro, anzi ha incoraggiato i suoi conoscenti, i familiari, gli antagonisti a raccontare onestamente la verità. E lo stesso Steve Jobs parla candidamente, talvolta in maniera brutale, dei colleghi, degli amici e dei nemici, i quali, a loro volta, ne svelano le passioni, il perfezionismo, la maestria, la magia diabolica e l’ossessione per il controllo che hanno caratterizzato il suo approccio al business e i geniali prodotti da lui creati. Ispirato dai suoi demoni, Jobs sarebbe potuto cadere nell'ira e nella disperazione.

Ma la sua personalità e i suoi prodotti erano una sola cosa, esattamente come l’hardware e il software di Apple, parti di un sistema integrato. Una storia che ci insegna e allo stesso tempo ci mette in guardia, ricca di lezioni sull'innovazione, il carattere, la leadership e i valori.

Advertsing

125X125_06

Planet Xamarin

Planet Xamarin

Calendar

<<  September 2017  >>
MonTueWedThuFriSatSun
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678

View posts in large calendar

Month List