Davos: Smart machines set to transform society

FT-Davos-Microsoft

Artificial intelligence will spur economic growth and create new wealth. Machines that “think” like humans will help solve huge problems, from curing cancer to climate change. Yet millions of human workers will need to retrain, as robots make their existing jobs redundant.

These are the contrasting messages provided by the world’s leading technologists during the World Economic Forum in Davos this week, as political and business leaders ponder how best to respond to the rise of smart machines.

Sebastian Thrun, the inventor of Google’s self-driving cars and an honorary professor at Delft University of Technology, told the Financial Times that “almost every established industry is not moving fast enough” to adapt their businesses to this change.

He suggested self-driving cars would make millions of taxi drivers redundant and planes running solely on autopilot would remove the need for thousands of human pilots.

One of the central themes of this year’s conference is the “Fourth Industrial Revolution,” referring to how technological breakthroughs are expected to transform industries across the world. Delegates argued that advances in robotics and artificial intelligence will have the transformative effect that steam power, electricity and ubiquitous computing achieved in previous centuries.

“[Artificially-intelligent machines] can look at a brainscan better than most radiologists, but they can also weld better than any human,” said Illah Nourbakhsh, a professor of robotics at Carnegie Mellon University, the institution which has a partnership with Uber to build driverless cars. “It’s affecting white-collar and blue-collar jobs. Nobody is inherently safe.”

But Mr Thrun was optimistic that redundant roles will quickly be replaced.

“With the advent of new technologies, we’ve always created new jobs,” he said. “I don’t know what these jobs will be, but I’m confident we will find them”

Satya Nadella, chief executive of Microsoft, said: “This challenge of displacement is a real one, [but] I feel the right emphasis is on skills, rather than worrying too much about the jobs [which] will be lost. We will have to spend the money to educate our people, not just children but also people mid-career so they can find new jobs.”

Happy 60th Birthday Bill Gates

Bill-Gates1-1040x580

The founder of Microsoft and wealthiest man in the world turns 60 years old today. William Henry Gates III was born October 28th, 1955 in Seattle, Washington where he still resides in his post Microsoft years.

He has much to celebrate as he turns 60. After leading Microsoft for decades it must be quite rewarding to see the company he founded grow in such a bold direction this year with a booming commercial cloud computing division, new category defining hardware that is leading the competition, and an incredibly fast adoption rate for Microsoft’s latest version of Windows.

People_Nadella_Gates_Ballmer-1

But Gates isn’t nearly as involved in Microsoft now a days as he used to be. He formerly stepped down as CEO in 2000 when Steve Ballmer took the reins. He also left his position as Chairman of Microsoft in February of 2014 when Satya Nadella was appointed CEO. He spends a great deal of his time working on the Bill and Melinda Gates Foundation‘s projects, which has been identified as the wealthiest charitable foundation in the world. The foundation focuses on improving the lives and productivity of people around the world, and has gained much attention recently for its emphasis on eradicating common diseases in developing nations.

Gates still does help out at Microsoft as a Technology Advisor. Most notably Gates has been helping Nadella rethink some of the company’s strategies, particularly with reinventing Office. And it appears his contributions are still paying off for the company with news that the reinvention of Office as an SaaS offering, Office 365, overtook Google Apps for Work this year.

So happy birthday Mr. Gates! Hope you are having a productive celebration of reaching the huge milestone of 60, while the company you founded continues to reach its own previously unimagined milestones. If you want to follow more about Bill Gates work outside of his advisory role to Microsoft, you can learn more on his personal blog GatesNotes.

Apple sides with Microsoft in closely watched patent dispute with Google

Apple sides with Microsoft in closely watched patent dispute with Google

Lawyers for Microsoft and Google will appear Wednesday morning at the 9th Circuit Court of Appeals in San Francisco in a long-running dispute over patents that were originally owned by cell phone maker Motorola Mobility.

The case involved the implementation of wireless and video standards in products including Microsoft's Xbox 360.

But this is no ordinary patent showdown. Other tech companies are watching the case closely for its potential to set a precedent for negotiations over “standard-essential patents” or “SEPs” — technologies required to implement industry standards.

The case has already created some unusual alliances. Apple (PDF) and T-Mobile (PDF) are among the companies siding with Microsoft in the case, while Nokia (PDF) and Qualcomm (PDF) are seeking to overturn a lower court’s ruling that found in Microsoft’s favor.

After a 2013 trial in Seattle, Microsoft won a $14.5 million jury verdict against Motorola based on a finding that Motorola breached its obligation to offer its standard-essential patents for video and wireless technologies on fair, reasonable and non-discriminatory terms, known in legal circles as “RAND” or “FRAND.”

The case is notable in part because U.S. District Judge James Robart in Seattle took the unusual step of setting a process for establishing royalties for standard essential patents.

Based on his process, Robart ruled in April 2013 that the Microsoft owed less than $1.8 million a year for its use of Motorola’s patented video and wireless technologies in Windows, Xbox and other products. Motorola had originally sought a rate amounting to more than $4 billion a year, plus $20 billion in back payments.

In its brief leading up to this week’s appeals court hearing, Apple said that the judge made the correct decision — preventing owners of standard essential patents from “holding up” other companies that want to implement standards.

“By focusing on the FRAND commitment’s bedrock concern — confining SEP holders to the value of their technology, as distinguished from the value conferred by inclusion in the standard — Judge Robart properly held Motorola to its agreement,” wrote Apple’s lawyers. “Courts must continue to apply this principle to eliminate hold-up in all forms.”

However, Qualcomm argued in its brief that Robart overreached and came up with a process that did not adequately compensate Motorola for its patents. The chip maker said “the manifest errors” in the decision “will cause incalculable damage to innovation incentives and standards going forward” if it becomes a precedent.

Google, which acquired Motorola before selling the cell phone company to Lenovo, remains the owner of the patents in dispute in the case.

Digital Wars

Digital WarsE' il 1998 e il mondo digitale sta prendendo forma. In questo panorama in evoluzione si affermano tre aziende: Apple, Google e Microsoft.

Erano aziende profondamente diverse tra loro e le attendeva una serie di aspre battaglie per il controllo del mercato: la tecnologia di ricerca, i lettori musicali portatili, gli smartphone e i tablet.

Non potevano sapere quale sarebbe stata la prossima guerra: ma era un conflitto che avrebbe trasformato il mondo. Per sempre.

Dalla fine degli anni Novanta fino alla morte di Steve Jobs, Digital Wars ripercorre ciascuna di queste battaglie e analizza le diverse culture aziendali dei tre colossi, decretando chi di loro ha trionfato su ciascun fronte.

La posta in gioco è altissima, perché al vincitore spetta non solo una ricchezza smisurata, ma anche la possibilità di dominare un'area del panorama digitale, scalzare i rivali e plasmare il nostro futuro.

Microsoft si lancia negli Ebook accordo milionario con Barnes & Noble

Nook by Barnes & NobleCon un investimento di 300 milioni di dollari nel settore ebook di Barnes & Noble, l'azienda di Redmond entra nel terreno di Amazon e Apple in modo deciso. Barnes & Noble è il nome dietro il Nook, un marchio per un lettore di libri elettronici piuttosto diffuso e apprezzato, diretto concorrente del Kindle di Amazon.

È in questa direzione che Microsoft concentrerà particolarmente le sue attenzioni. L'allenza è particolare, perché negli ultimi periodi Microsoft e Barnes & Noble erano arrivate ai ferri corti: Redmond ha portato in tribunale il distributore editoriale per presunte violazioni di alcuni brevetti. Dal canto suo B&N rispondeva che quello di Redmond era un tentativo di intimidazione verso aziende più piccole che avevano scelto di utilizzare la piattaforma Android di Google per i loro dispositivi. A seguito dell'accordo annunciato, le due società hanno deciso di deporre le armi e azzerare i ricorsi in tribunale. Microsoft avrà il 17,6% nella nuova compagnia che deriverà dall'investimento.

Una delle conseguenze immediate sarà l'inclusione in Windows 8 di un'applicazione Nook, una mossa che avrà la sua importanza in ambito tablet, ovvero uno dei segmenti su cui Microsoft punta molto con il suo nuovo sistema operativo.

Idea man: Io, Bill Gates e altre storie - Autobiografia del cofondatore di Microsoft

Idea man: Io, Bill Gates e altre storie - Autobiografia del cofondatore di Microsoft - Paul AllenCome non recensire da sfegatato uomo-Microsoft la biografia di Paul Allen, cofondatore della mitica Microsoft.

Paul Allen passava davanti alla porta chiusa dell'ufficio di Bill Gates impegnato con un collaboratore. «Si stavano lamentando della mia scarsa produttività negli ultimi tempi e di come potevano diluire le mie quote azionarie in Microsoft emettendo stock option riservate a loro stessi e ad altri azionisti». Incredulo per ciò che ascoltava entrò gridando: «Questo rivela, una volta per tutte, come siete fatti in realtà». E se ne andò. Allen e Gates avevano fondato Microsoft. Allen aveva 29 anni e in quelle settimane gli avevano diagnosticato il morbo di Hodgkin, un tumore maligno che lo costringeva a pesanti sedute di radioterapia. Le forze gli mancavano e il lavoro ne subiva le conseguenze. Bill Gates guardava all'azienda e impaziente nell'attendere l'evoluzione del morbo dell'amico stava decidendo come procedere senza di lui. La sorte fu benigna con Paul ma nel ricordare quei momenti nella sua autobiografia, Idea Man (Rizzoli Etas) scorre un'amarezza profonda che esalta, per contrasto, il freddo interesse economico di Bill.

I due si erano conosciuti giovanissimi alla scuola media stringendo subito un profondo legame. «Bastava uno sguardo per capire tre cose di Bill - scrive -. Era proprio intelligente, era molto competitivo e ci teneva a far vedere quant'era intelligente». Il computer li unì e quando Bill aveva 18 anni e Paul 21 realizzavano e commercializzavano il loro primo elaboratore per gestire il traffico stradale. Erano diventati maestri del Basic, il programma più diffuso dell'epoca, e poco dopo, nel 1975, creavano la mitica società. Doveva chiamarsi «Allen & Gates» ma Paul impose «Microsoft» dall'unione di microprocessori e software. Bill mostrava in fretta la sua determinazione: chiedeva il 60 per cento delle azioni e Paul accettava. L'anno successivo assumevano il primo dipendente lavorando ad Albuquerque, Nuovo Messico, poco lontano dal luogo dove era scoppiata la prima bomba atomica. Intanto pensavano a una laurea come le loro famiglie chiedevano. Però, iscritti all'università, venivano travolti dalla passione rapidamente trasformata in business. Entrambi erano abili programmatori con una dote aggiunta: Bill eccelleva negli affari, Paul nella tecnologia e nella visione dei passi da compiere. Non passavano molti mesi e Bill chiedeva di rivedere l'accordo: voleva il 64 per cento della società. Di nuovo Paul accettava, sia pure a malincuore.

Scaltrezza e ricerca producevano buoni risultati e quando nel 1978 sfioravano il milione di dollari decidevano di trasferirsi a Seattle. Così nasceva il secondo colosso industriale dell'area, dopo la Boeing, il fabbricante di aeroplani. La scalata diventava inarrestabile. Nel giro di un anno il fatturato quasi triplicò e Paul ritenne giusto riequilibrare il rapporto azionario troppo a favore dell'amico che aveva sempre imposto i suoi desideri. «Quando glielo proposi mi rispose: "Non voglio parlarne mai più, non sollevare la questione". Ingoiai il rospo e pensai ok... ma un giorno leverò le tende». Da allora le discussioni si facevano sempre più aspre e non si limitavano al tradizionale, acceso confronto tecnico.
 
Quando Ibm decise di costruire il personal computer, segnando l'apertura di un'era, aveva bisogno di un sistema operativo. Era il 1981 e la coppia che già faceva affari col Giappone strappava un accordo con il gigante dei «cervelli elettronici» senza esclusiva, aprendosi così il mercato degli altri costruttori che fiorirono numerosi. «Allora dissi a Bill che i miei giorni come dipendente Microsoft erano contati. Pensavo a una mia azienda». Il momento del distacco si avvicinava e quando stavano per diffondere Word, il programma di scrittura, maturava rapido il divorzio. Era il febbraio 1983. «Alla fine le divergenze erano andate al di là dei nostri match verbali - scrive Paul -. La sua estrema competitività aveva contribuito a farlo entrare nella storia come miglior Ceo (Chief Executive Officer), ma aveva anche destabilizzato il nostro rapporto».
 
Poi arrivò Windows e Paul fece la sua azienda, Asymetrix, come aveva sognato. Nel 2010 Microsoft annunciava un fatturato solo per il quarto trimestre di 16 miliardi di dollari: un record. Gli utili piovevano consolando Paul del «vuoto» lasciato dal distacco e permettendogli di investire nella «vita che sognavo da sempre». Con la Paul G. Allen Family Foundation finanzierà gruppi sportivi, sosterrà la costruzione del primo aeroplano a razzo per i turisti, la ricerca di segnali intelligenti provenienti dal cosmo e la realizzazione di una mappa del cervello per aiutare la cura di malattie neurologiche. Altrettanto filantropo diventerà l'ex socio Bill Gates.

Chiudendo il libro di una vita straordinaria, Paul non risparmia una previsione sul futuro della società che ha contribuito a inventare: «Se Microsoft non riuscirà a mettersi alla pari nella categoria mobile, l'attende un lungo, lento declino». Un avviso da non trascurare.

Paul Allen è nato a Seattle nel 1953. Nel 1975 ad Albuquerque ha fondato con Bill Gates la Microsoft, di cui era la mente tecnologica. Nel novembre 2000 Allen ha abbandonato ogni incarico direttivo nella Microsoft, pur restando un forte azionista della società.

Advertsing

125X125_06

Planet Xamarin

Planet Xamarin

Calendar

<<  November 2017  >>
MonTueWedThuFriSatSun
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910

View posts in large calendar

Month List