Vauro: Farabutto 2.0

Vauro Farabutto 2.0Ancora più Farabutto! In questa versione aggiornata con oltre 100 nuove vignette tratte da Annozero e Servizio Pubblico, Vauro strappa i veli, butta all'aria i cliché, scardina il teatrino della politica e dell'intero "sistema Italia".

Per chi usa la sua satira graffiante come boccaglio mentre nuota suo malgrado nella melma nostrana, un libro da non perdere: un concentrato di pensieri, parole e disegni, corrosivo antidoto al "peggio che avanza".

Lo puoi trovare in offerta su Amazon a solo 3.99€!

Promozione esclusiva Kindle: 35% di sconto su 30 titoli bestseller

Le offerte di Natale sono terminate ma solo per oggi Amazon offre 30 titoli da scaricare sul Kindle (molti dei quali in offerta in queste settimane) con uno sconto del 35%! Per conoscere questa offerta, visita la pagina dedicate sul sito Amazon.

I menù di Benedetta  Il Piccolo Principe Tu sei il male Roberto Costantini Poco o niente: Eravamo poveri torneremo poveri Il signore degli anelli

È morto Giorgio Bocca, grande giornalista e scrittore italiano

Giorgio Bocca

MILANO - È morto nel giorno di Natale, nella sua casa di Milano, dopo una breve malattia, Giorgio Bocca. Aveva 91 anni. Tra i grandi protagonisti del giornalismo italiano, Bocca ha raccontato nei suoi articoli e nei suoi libri l'ultimo mezzo secolo di vita italiana con rigore analitico e passione civile, improntando sempre il suo stile alla sintesi e alla chiarezza.

L'ULTIMO ARTICOLO - L'ultimo articolo di Bocca risale al 28 novembre 2011. Il tema: l'alluvione in Liguria. «Il dramma di questo Paese è di avere queste contraddizioni che non possono essere guarite dall'intervento del governo, ma sono connaturate alla storia delle popolazioni» si concludeva il pezzo nella rubrica «L'antitaliano» su L'Espresso. L'articolo sottolineava le responsabilità non solo dei politici ma di tutti gli italiani. Risale invece al novembre 2008, una delle ultime apparizioni in tv, a Le invasioni barbariche su La7. «I giornalisti della mia generazione - disse in quella occasione - erano mossi da un motivo etico: ci eravamo messi tragedie alle spalle, perciò il nostro era un giornalismo abbastanza serio. Oggi la verità non interessa più a nessuno» e «l'editoria è sempre più al servizio della pubblicità».

LA VITA E LA CARRIERA - Nato a Cuneo il 28 agosto del 1920, Bocca iniziò a scrivere già a metà degli anni 30, su periodici locali e poi sul settimanale cuneese La Provincia Grande. Durante la guerra si arruolò come allievo ufficiale alpino e dopo l'armistizio fu tra i fondatori delle formazioni partigiane di Giustizia e Libertà. Riprese allora l'attività giornalistica, scrivendo per il giornale di GL, poi lavorando per la Gazzetta del Popolo, per l'Europeo e per Il Giorno e segnalandosi per le grandi inchieste. Nel 1976 fu tra i fondatori del quotidiano la Repubblica, con cui ha sempre continuato a collaborare.

Giorgio Bocca Grazie No 7 idee che non dobbiamo più accettare«GRAZIE NO»: IL LIBRO IN USCITA - Nella sua carriera cinquantennale, Bocca è stato anche autore di numerosi libri, che spaziano dall'attualità politica e dall'analisi socioeconomica all'approfondimento storico e storiografico, senza mai dimenticare l'esperienza partigiana. Il prossimo 11 gennaio uscirà postumo, per Feltrinelli, il nuovo volume Grazie no: un pamphlet contro chi si è assuefatto all'Italia di oggi, dove cose che dovrebbero fare indignare passano sotto silenzio. Sette, in particolare, secondo Bocca, i punti a cui ribellarsi: la crescita folle; la produttività, il nuovo dio; la lingua impura; il dominio della finanza; la corruzione generale; la fine del giornalismo; l'Italia senza speranza. «La gente oggi è più ricca ma è peggiorata culturalmente e intellettualmente» dice il giornalista nella video-intervista che accompagna la scheda del volume. E ancora: «È una crisi di cui nessuno sa niente, nessuno sa quando è cominciata e come finirà. Mai nella storia dell'umanità si era arrivati ad una oscurità di questo genere».

«DIRE SEMPRE LA VERITA'» - Nell'aprile 2008 Bocca ha vinto il premio Ilaria Alpi alla carriera. Disse in quella occasione, ricevendo il riconoscimento: «Tutti quelli che fanno il giornalismo lo fanno sperando di dire la verità: anche se è difficile, li esorto e li incoraggio a continuare su questa strada».

Il piccolo principe

Fino a Natale Amazon offre gli ebook a prezzo scontato. Oggi in offerta il libro di Antoine de Saint-Exupéry "Il Piccolo principe".

Di cosa tratta l'eBook?

«Gli uomini hanno delle stelle che non sono le stesse. Per gli uni, quelli che viaggiano, le stelle sono delle guide. Per altri non sono che delle piccole luci. Per altri, che sono dei sapienti, sono dei problemi. Per il mio uomo d’affari erano dell’oro. Ma tutte queste stelle stanno zitte. Tu, tu avrai delle stelle come nessuno haÉ» «Che cosa vuoi dire?» «Quando tu guarderai il cielo, la notte, visto che io abiterò in una di esse, visto che io riderò in una di esse, allora sarà per te come se tutte le stelle ridessero. Tu avrai, tu solo, delle stelle che sanno ridere!»

Kindle4: fare uno screenshot

A me capita che mi piacerebbe creare uno screenshot di quello che sto vedendo sul display del Kindle, quello in italiano, ma non avendo la tastiera non sapevo come fare. In realtà è molto semplice: basta premere contemporaneamente due tasti: quello che rappresenta la tastiera e quello per il menu.

In questo modo il Kindle4 crea una immagine in formato GIF del contenuto dello schermo e salva questa immagine nella cartella Documents dove la posso recuperare collegando il Kinde al mio PC.

Tu sei il male

Tu sei il male Roberto CostantiniFino a Natale Amazon offre moltissimi eBook per Kindle a prezzo particolarmente ribassato. Oggi in offerta il libro di Roberto Costantini "Tu sei il male".

Di cosa tratta l'eBook?

Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, diciottenne impiegata di una società immobiliare del Vaticano, scompare nel nulla.

L’inchiesta viene affidata al giovane commissario di Polizia Michele Balistreri. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta nelle indagini.

Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto.Roma, 9 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, la madre di Elisa si uccide gettandosi dal balcone.

Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi.

Il suicidio dell’anziana donna lo spinge a riaprire l’inchiesta. Ma rendere giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un Male elusivo quanto tenace, dai molteplici volti.

Inheritance: 4

Inheritance 4Fino a Natale Amazon offre moltissimi libri a prezzo ridotto. L'offerta di oggi è il libro di Christopher Paolini dal titolo "Inheritance: 4".

Di che tratta l'eBook?

Tutto è iniziato con Eragon… Tutto finisce con Inheritance. Sembrano appartenere a un’altra vita i giorni in cui Eragon era solo un ragazzo nella fattoria dello zio, e Saphira una pietra azzurra in una radura della foresta.

Da allora, Cavaliere e dragonessa hanno festeggiato insperate vittorie nel Farthen Dûr, assistito ad antiche cerimonie a Ellesméra, pianto terribili perdite a Feinster. Una sola cosa è rimasta identica: il legame indissolubile che li unisce, e la speranza di deporre Galbatorix.

Non sono gli unici a essere cambiati, però: Roran ha perso il villaggio in cui è cresciuto, ma in battaglia si è guadagnato rispetto e un soprannome, Fortemartello; Nasuada ha assunto il ruolo di un padre morto troppo presto, e porta sulle braccia i segni dell’autorità che ha saputo conquistare; il destino ha donato a Murtagh un drago, ma gli ha strappato la libertà.

E ora, per la prima volta nella storia, umani, elfi, nani e Urgali marciano uniti verso Urû’baen, la fortezza del traditore Galbatorix.

Nell’ultima, terribile battaglia che li attende rischiano di perdere ciò che hanno di più caro, ma poco importa: in gioco c’è una nuova Alagaësia, e l’occasione di lasciare in eredità al suo popolo un futuro in cui la tirannia del re nero sembrerà soltanto un orribile sogno.

"Luna? Sì, ci siamo andati!": il libro che smonta le tesi di complotto

Luna? Ci siamo andatiÈ disponibile l'edizione digitale e cartacea integrale del mio libro "Luna? Sì, ci siamo andati!", che affronta e smonta con i fatti, una per una, le principali tesi di chi sostiene che gli sbarchi umani sulla Luna furono una messinscena.

Complottismi a parte, il libro chiarisce anche i dubbi di chi ha sentito parlare di queste tesi e vuole capire come stanno realmente le cose per non farsi fregare dai contaballe spaziali.

Le sue circa 300 pagine ricche di illustrazioni sono anche un'occasione per conoscere meglio l'epopea dei viaggi spaziali con dovizia di dettagli e di chicche curiose e poco conosciute.

L'edizione 2012 di "Luna? Sì, ci siamo andati!" è acquistabile come e-book per Kindle su Amazon.it a meno di sei euro (il prezzo varia a seconda dell'IVA). L'edizione 2011 è scaricabile gratuitamente in formato PDF ed EPUB senza lucchetti digitali anticopia (DRM) ed è anche acquistabile su carta presso Lulu.com. Tutti i link per l'acquisto e lo scaricamento sono qui sotto.

Di cosa tratta l'eBook?

Siamo davvero andati sulla Luna? Questo libro esamina i dubbi più frequenti riguardanti le missioni Apollo che portarono l'uomo sulla Luna fra il 1969 e il 1972 e li chiarisce, smontando una per una le presunte prove presentate da chi afferma che si trattò invece di una colossale messinscena.

Ma l'esplorazione delle tesi alternative è anche uno spunto per raccontare l'epopea della corsa alla Luna, presentandone aspetti pressoché sconosciuti al grande pubblico, come il progetto lunare sovietico, i disastri sfiorati ma taciuti e le foto di Playboy portate di nascosto sulla Luna.

Per smontare dubbi e deliri, onorare coraggio e ingegno.

Paolo Attivissimo è un giornalista informatico e studioso delle "bufale" e della disinformazione nei media, dalle catene di Sant'Antonio alle tesi di complotto sull'11 settembre. Da sempre appassionato di astronautica, gestisce il sito ComplottiLunari.info ed è autore del documentario libero Moonscape, che ripercorre le missioni lunari con immagini inedite e restaurate.

I menù di Benedetta

I menù di BenedettaFino a Natale Amazon mette in offerta moltissimi libri per il Kindle: oggi in offerta speciale il libro di Benedetta Parodi "I Menù di Benedetta".

Di cosa tratta il libro?

BENEDETTA PARODI cucina per il marito Fabio e i figli Matilde, Eleonora e Diego, ma anche per tutti i telespettatori che la seguono ogni giorno sugli schermi televisivi e per voi lettori che qui troverete 237 piatti inediti.

Come sempre, sono ricette che si cucinano in un attimo con ingredienti semplici ed economici oltre che sfiziosi e facilissimi da trovare.

Quest’anno, però, Benedetta ha deciso di accompagnarvi passo dopo passo nella preparazione di pranzi e cene, immaginando per voi voltre 60 menù adatti ai pasti di tutti i giorni ma anche alle occasioni speciali: dalla festa di compleanno dei bimbi alla cena con un amico vegetariano, dallo spuntino davanti alla tv alla serata romantica a lume di candela, dalla cenetta di pesce che costa poco al pranzo perfettino per suocere criticone…

Sempre “raccontandoli” con il suo consueto stile che mescola consigli preziosi e trucchi del mestiere ad aneddoti e ricordi personali.

Per la prima volta, inoltre, Benedetta si è cimentata anche con la macchina fotografi ca immortalando proprio i piatti che lei stessa porta in tavola e che scoprirete sfogliando le pagine illustrate di questo suo nuovo, attesissimo e coloratissimo libro.

Poco o niente: Eravamo poveri torneremo poveri

Poco o niente: Eravamo poveri torneremo poveriFino a Natale Amazon offre degli eBook a basso prezzo da legge con il Kindle. Oggi in offerta il libro di Giampaolo Pansa "Poco o niente: Eravamo poveri torneremo poveri".

Di cosa tratta l'eBook?

“C’è una paura nuova che leggo negli occhi di molte persone. È il timore di ritornare poveri, di andare incontro a un futuro difficile, di non sapere quale sarà il destino dei figli. Qualche anno fa, non era così. Ma in questo 2011 tutto è cambiato in peggio.

La grande crisi economica e finanziaria ci ha messi di fronte a una realtà che nessuno immaginava: la nostra società è fragile e il benessere che abbiamo conquistato potrebbe svanire. Torneremo poveri come erano i nostri genitori e i nonni? Questa incognita mi ha spinto a ricordare l’epoca che ha visto nascere e crescere fra mille stenti mia nonna Caterina Zaffiro e mio padre Ernesto, uno dei suoi figli.

Lei era nata nel 1869 nella Bassa vercellese, in una famiglia di contadini strapelati. Andata in sposa a un bracciante altrettanto misero, Giovanni Pansa, rimase vedova a 33 anni, con sei bambini da sfamare. È la sua vita tribolata a farmi da guida nel racconto dell’Italia fra l’Ottocento e il Novecento, quello che il lettore troverà in Poco o niente.

Era un mondo feroce, dove pochi ricchi comandavano, decidevano tutto e si godevano le figlie dei miserabili. I poveri erano tantissimi, venivano messi al lavoro da piccoli, poi l’ignoranza li spingeva a comportarsi da violenti. Anche con le loro donne, costrette a partorire un figlio dopo l’altro, oppure ad abbandonare una famiglia brutale diventando prostitute. Le campagne succhiavano il sangue dei braccianti, condannati a patire la fame.

Le città erano un inferno, in preda al colera, alla malaria, al vaiolo, alla pellagra. Torme di bambini cenciosi vivevano sulla strada mendicando. I bordelli prosperavano e il sesso nascosto trionfava. Dietro un ordine apparente, covava il grande disordine che sarebbe sfociato nella prima guerra mondiale.Fu allora che si consumò il massacro dei poveri in divisa, vissuto anche da mio padre Ernesto, arruolato a 18 anni. Un macello destinato a concludersi con una contesa rabbiosa tra rossi e neri, chiusa dall’avvento del fascismo. Poco o niente è il ritratto del nostro passato e un monito per il futuro che ci attende, pieno di incognite.

Ci farà tremare e sorridere, perché la vita è fatta così.”G.P.

Advertsing

125X125_06

Planet Xamarin

Planet Xamarin

TagCloud

MonthList